BLOG

I NOSTRI ARTICOLI

LAVAGGIO STRAORDINARIO IGIENIZZANTE

Come mantenere il nostro pavimento in legno BELLO nel tempo?

Spesso si parla di levigatura, ma troppo poco dello STEP precedente a questa più comune manutenzione straordinaria che si attua su un pavimento in legno.

Quindi alla levigatura ma solo dopo una decina di anni.

Invece è MOLTO importante (e spesso troppo poco conosciuto e consigliato) il Lavaggio Straordinario Igienizzante.

Che cos’è?

Si tratta di un lavaggio fatto da un parquettista qualificato mediante l’utilizzo di una macchina specifica chiamata lavapavimenti a rulli con l’impiego di prodotti professionali detergenti e igienizzanti che, oltre ad igienizzare in profondità, possono eliminare macchie ed aloni formatesi nel tempo.

IMPORTANTlSSIMO: al termine, viene applicato un POLISH che permette di ravvivare e preservare il nostro stupendo pavimento. Con il normale utilizzo questo polish va via via esaurendosi.

E’ quindi importante ripetere questo trattamento sistematicamente.

L’ intervento è rapido, infatti dopo 4/6 ore il pavimento è nuovamente pedonabile; inoltre non deve essere fatto ad appartamento sgombro ma, proprio per la sua natura non invasiva, è possibile procedere una stanza alla volta, spostando solo l’occorrente.

Per maggiori informazioni contattateci!

Potremo studiare INSIEME un piano di lavaggio annuale personalizzato al fine di preservare ed allungare la vita del vostro pavimento in legno.

macchina lavapavimenti a rulli per lavaggio parquet rovere

 

scritto da Nicole Campani

08-04-2021

LEGNI DA ESTERNO

Con la primavera alle porte e l’avvento delle belle giornate è arrivato finalmente il momento di goderci i nostri spazi esterni…giardini, terrazzi, balconi…

e perché non decidere di rinnovarli con un bel pavimento in legno?

Quale migliore occasione per parlarne!

 

IL LEGNO E’ UN MATERIALE CALDO, ECOLOGICO E NATURALE.

Un pavimento in legno da esterno infatti, dona ai vostri ambienti una nota calda ed accogliente ma al tempo stesso molto raffinata. 

Di questi tempi, in cui si parla tantissimo di preservare l’ambiente, un aspetto da non trascurare è sicuramente l’ECOLOGIA del materiale stesso e la naturalezza intrinseca: per natura il legno è rinnovabile con semplici e periodiche manutenzioni. Inoltre, decidendo di scegliere il DECKING per i vostri spazi esterni, si hanno una serie di vantaggi, tra cui la porosità naturale che dona al vostro ambiente una caratteristica antiscivolo naturale e la possibilità di rendere la pavimentazione ispezionabile all’occorrenza. 

Ora entriamo un po’ più nel dettaglio, parlando di alcune tra le essenze più utilizzate per le caratteristiche che li rendono adatti a tali location.

Il re dei pavimenti da esterno è sicuramente il TEAK. Questo legno cresce in grosse foreste tropicali in asia o estremo oriente ed ha un elevata stabilità dimensionale ed un’eccellente resistenza agli agenti atmosferici;

Rimanendo ai tropici parliamo poi dell’IPE’, un’essenza molto elegante e dalla grande personalità. Si distingue per la sua durezza e buona stabilità; è sicuramente ideale a bordo piscina o in giardini ove è sottoposto al contatto continuo con umidità ed intemperie per via dell’elevata resistenza all’acqua e alle muffe.

Una delle domande più frequenti che ci viene posta è “Come faccio a scegliere quello più adatto per casa mia?”

Quello che mi sento di consigliarvi è, innanzitutto, di affidarvi ad un posatore qualificato che vi possa accompagnare nella scelta dell’essenza più adeguata, tenendo in considerazione…in primis l’esposizione agli eventi atmosferici e all’utilizzo che se ne vuole fare, oltre naturalmente all’estetica del prodotto ed al vostro budget di spesa.

Ricordatevi però: il legno, come abbiamo detto prima, è un materiale NATURALE e proprio per questo motivo dobbiamo prendercene cura per garantirne una durevolezza negli anni. Come farlo? Annualmente dovremo andarlo a nutrire con oli specifici riportando così i colori del legno alla loro naturale brillantezza ma soprattutto garantendo maggiore protezione da fattori abiotici, quali i raggi UV e le variazioni di umidità, ed anche da fattori biotici come attacchi da funghi ed insetti.

 

Scritto da Nicole Campani

08-03-2021